Concorso di Progettazione

REGOLAMENTO DEL CONCORSO DI PROGETTAZIONE BOX336AM

Art. 1 – Istituzione del Concorso
Art. 2 – Finalità
Art. 3 – Partecipazione
Art. 4 – Modalità di partecipazione
Art. 5 – Consegna dei materiali
Art. 6 – Giuria
Art. 7 – Comunicazione dei risultati
Art. 8 – Premiazione
Art. 9 – Pubblicazione delle opere premiate
Art. 10 – Realizzazione del progetto vincitore
Art. 11 – Clausole finali di adesione
Art. 12 – Segreteria Organizzativa del Premio e indirizzi di riferimento

 

CLICCA QUI E RICHIEDI IL BANDO DEL PROGETTO BOX336AM
riceverai il Kit completo con il bando in formato PDF sia in versione A4 che A3

 

Art. 1 – Istituzione del Concorso

Il Coordinamento delle associazioni “Box 336 am, Contenitore culturale per Amatrice e le zone colpite dal sisma”, con il supporto dell’Ordine degli Architetti P.P.C. di Verona, istituisce un concorso di progettazione aperto a varie figure professionali ed in forma palese, per la selezione di un progetto di microarchitettura – e mera, ma durevole e realizzabile con le modalità di autocostruzione – al fine di aiutare le popolazioni colpite da gravi calamità naturali.

Art. 2 – Finalità

“Box 336 am” propone quindi attraverso questo concorso di progettazione, la possibilità concreta di dare un contributo fattivo per la vita di persone come noi, che vogliono ricostruire la propria esistenza, rinnovandola, rincominciando da dove si erano fermati.

L’Ordine degli Architetti P.P.C. di Verona collabora a questa iniziativa in virtù dello scopo benefico della stessa e della sua totale gratuità.

L’idea del concorso è semplice e chiara, portare all’interno delle comunità colpite dal sisma e dalle altre calamità il “superfluo necessario”, non aiuti per la sussistenza quotidiana quindi ma qualcosa di impalpabile, qualcosa in grado di risvegliare il senso
di comunità, unità, coesione.

La memoria collettiva è la base della nostra cultura; essa non è semplicemente un elenco di accadimenti storici, ma racchiude le tradizioni, le esperienze, i fallimenti, le abilità, le speranze. L’obiettivo del concorso quindi è declinare questi aspetti in qualcosa di tangibile: una piccola libreria, una sala prove, un piccolo museo, un luogo per giocare, sono solo alcuni esempi tra le possibili destinazioni di un contenitore culturale. Lo scopo del concorso non è solo progettare il contenitore, ma pensare anche al contenuto, alle funzioni che esso può potenzialmente ospitare al suo interno.

Art. 3 – Partecipazione

Le candidature al Concorso possono essere presentate da progettisti come architetti ed ingegneri, ma anche da designer, studenti, artigiani, artisti, ed altre figure legate al mondo della progettazione e della creatività, sia come singoli che come Gruppi temporanei o Associazioni di professionisti, purché sia chiaramente indicato il referente o capogruppo. I progetti pervenuti saranno oggetto di una preselezione da parte del Comitato Organizzativo, in qualità di Comitato Scientifico e Segreteria Organizzativa del Concorso, e successivamente sottoposte al giudizio della Giuria per l’attribuzione finale del Premio; tutte le segnalazioni giunte saranno comunque esaminate dalla Giuria.

Sono esclusi dalla partecipazione:

  • i componenti della Giuria e i componenti del Comitato Scientifico e Segreteria Organizzativa del Concorso;
  • i coniugi, i parenti e coloro che abbiano qualsiasi rapporto di lavoro o collaborazione continuativo e notorio con i componenti delle categorie sopracitate;
  • gli eventuali sponsor tecnici e media partners del Concorso, nelle forme possibili di partecipazione.

Art. 4 – Modalità di partecipazione

La candidatura al Concorso, prevista in forma palese e non anonima, avviene inviando entro i termini di consegna i materiali richiesti e specificati di seguito all’indirizzo di posta elettronica, bando@box336am.org indicando come oggetto “CONCORSO BOX336AM”. Per evitare problemi di trasmissione e/o di ricezione, a tale indirizzo dovrà essere inviato un link tramite il quale scaricare i file (es. WeTranfer o simile); la conferma di avvenuto download varrà come ricevuta dell’invio dei materiali.

La documentazione richiesta si compone di un album in formato A3, per un numero massimo di cinque tavole orientate utilizzando come base il lato più lungo. All’interno di questo album dovranno essere riportati i dati anagrafici, indirizzo e contatto mail del/dei partecipanti, specificando le competenze ed i ruoli, oltre a:

  • descrizione delle funzioni e destinazione d’uso;
  • dati dimensionali e particolari costruttivi;
  • relazione descrittiva con i materiali impiegati;
  • vademecum con modalità di istruzione per imballaggio, trasporto, montaggio e smontaggio;
  • illustrazione della essibilità di utilizzo nelle varie situazioni climatiche e per le varie funzioni interne;
  • illustrazione delle modalità di assemblaggio “infinito” di più contenitori;
  • elaborati grafici e simulazioni digitali significative, per l’illustrazione del progetto;
  • relazione economica che comprenda sia le voci relative alla costruzione dei box e sia tutte le altre voci descritte nel penultimo punto del presente articolo.

Il progetto deve necessariamente esaudire le seguenti caratteristiche, che devono essere illustrate con immagini o in relazione in modo chiaro e palese:

  • deve rappresentare una architettura e mera – cioè non permanente e soprattutto non ancorata stabilmente al suolo – ma strutturalmente adeguata, resistente al sisma ed agli agenti atmosferici;
  • deve essere inserito in contesti facili, come uno spazio aperto (come ad esempio un piazzale pianeggiante), ma anche in condizioni più di cili e precarie (spazi poco accessibili in leggero pendio);
  • deve essere replicabile e connettibile, in modo funzionale;
  • deve essere facilmente trasportabile, montabile e smontabile (meglio se in autocostruzione);
  • deve essere essibile e facilmente trasformabile, al fine di contenere gli arredi specifici alle varie destinazioni d’uso ipotizzate;
  • deve essere prevista la predisposizione di alloggiamenti per il passaggio di impianti elettrici, di riscaldamento, idrici e sanitari adeguati a contesti precari;
  • deve essere realizzabile con materiali facilmente reperibili;
  • deve occupare una superficie lorda complessiva di circa mq. 18,00, con una altezza interna minima di ml 2,70 (se con copertura inclinata, l’altezza media della stessa deve essere almeno di ml. 2,70);
  • anche nella versione più completa, il box deve avere un costo non superiore a € 4.500,00 a modulo, ad esclusione degli impianti e degli arredi (non si considerano i costi di imballaggio, trasporto, montaggio e smontaggio, che possono in ogni caso essere inseriti come stima di massima nella relazione economica);
  • deve possedere una immagine riconoscibile, caratterizzante e facilmente contestualizzabile nelle diverse situazioni prevedibili (contesti urbani, storici o periferici, ma anche contesti paesaggistici e rurali).

Art. 5 – Consegna dei materiali

II materiali sopraelencati dovranno pervenire alla Segreteria Organizzativa del Concorso con le modalità precedentemente descritte, entro le ore 12.00 di venerdì 15 settembre 2017, richiedendo obbligatoriamente la conferma di recapito mail.

Il mancato rispetto dei tempi e delle modalità di invio dei materiali costituisce motivo di esclusione dal Concorso.

Art. 6 – Giuria

La Giuria sarà composta da due architetti, un Designer/artigiano/artista, un rappresentante delle associazioni “Box 336 am” ed un rappresentante dell’Ordine degli Architetti P.P.C. di Verona, che saranno comunicati successivamente alla pubblicazione del presente bando, ma prima della chiusura dei termini di consegna.

II giudizio della Giuria sarà inappellabile ed insindacabile.

Oltre al primo premio, la Giuria potrà segnalare altri progetti meritori di menzione e/o segnalazione specifica

Art. 7 – Comunicazione dei risultati

I lavori della Giuria termineranno entro il mese di ottobre 2017 e la comunicazione ufficiale dei risultati dei premiati sarà data tramite l’e-mail indicata nella documentazione contenuta nella proposta di progetto pervenuta.

Il verbale dell’aggiudicazione e la motivazione del premio e dei riconoscimenti assegnati saranno inoltre divulgati attraverso i siti web del “Coordinamento delle associazioni Box 336 am”, oltre che attraverso i comunicati stampa.

Ai vincitori, ai menzionati e ai segnalati potranno essere richiesti ulteriori elaborati per l’eventuale esposizione dei progetti premiati e/o per la redazione di una pubblicazione.

Art. 8 – Premiazione

Il Premio del concorso consiste nel riconoscimento ufficiale UNESCO GIOVANI e nella realizzazione del progetto dichiarato vincitore in un numero di esemplari, quanti ne consente la raccolta fondi messa in atto in contemporanea dal Coordinamento promotore del Concorso.

Inoltre a titolo di rimborso spese si riconoscono i seguenti premi:

  1. Primo premio: € 1.000
  2. Secondo premio: € 500
  3. Terzo premio: € 500

Menzioni e/o segnalazioni saranno concesse a discrezione della Giuria.

Art. 9 – Pubblicazione delle opere premiate

Gli esiti del Premio saranno inoltre pubblicati dagli eventuali Media Partners e divulgati con Comunicati stampa.

Art. 10 – Realizzazione del progetto vincitore

Del progetto decretato vincitore dalla Giuria ne sarà realizzato un prototipo, secondo le indicazioni date dal suo progettista. A questo proposito sarà richiesto al progettista un progetto esecutivo possibilmente completo di verifica strutturale, con i necessari particolari costruttivi e la predisposizione impiantistica. Dovrà essere stilato anche un esauriente manuale d’uso e conservazione (imballaggio, trasporto, montaggio e smontaggio). Queste prestazioni sono comprese nel premio come definito dal precedente articolo 8.

Dovranno anche essere illustrate nel dettaglio le variabili al manufatto, in previsione delle varie condizioni climatiche, di utilizzo e di contestualizzazione.

Le spese per la realizzazione del prototipo e per ogni ulteriore integrazione alla documentazione di progetto descritta precedentemente, necessaria alla sua costruzione e verifica a norma di legge, saranno a carico del Coordinamento, che potrà avvalersi, in caso di inadempienza o mancato accordo con i vincitori, di suoi tecnici incaricati.

Art. 11 – Clausole finali di adesione

Con l’invio della documentazione necessaria per l’ammissione al concorso (vedi art. 4), i partecipanti si obbligano alle seguenti condizioni:

  • accettano e aderiscono a tutte le norme stabilite dal presente regolamento;
  • in particolare accettano e aderiscono allo scopo benefico che anima il concorso senza avere pretese economiche che vadano oltre quelle riconosciute;
  • autorizzano i promotori del Concorso a realizzare in numero illimitato il proprio progetto, senza avere pretese economiche aggiuntive oltre quelle stabilite dall’articolo 8 del presente bando. Eventuali migliorie progettuali rese necessarie per ottenere le autorizzazioni di costruzione nei siti prescelti, dovranno essere realizzate a titolo gratuito nei tempi e nei modi richiesti; in mancanza di accordo l’ente banditore è autorizzato a procedere autonomamente;
  • autorizzano i promotori del Concorso ad utilizzare e divulgare i contenuti delle opere e dei progetti presentati per pubblicazioni totali o parziali, con citazione della fonte, senza aver nulla a pretendere in merito ai diritti d’autore;
  • si impegnano a tenere indenni i promotori da eventuali contestazioni, pretese o giudizi relativi ai contenuti delle opere e dei progetti presentati e divulgati per le pubblicazioni indicate al punto precedente. La Segreteria Organizzativa del Concorso si riserva ogni variazione che si renda necessaria per la migliore realizzazione, nonché ogni richiesta di integrazione del materiale ricevuto.

Art. 12 – Segreteria Organizzativa del Premio e indirizzi di riferimento

La Segreteria Organizzativa del Premio è costituita
presso: “Coordinamento delle associazioni Box 336 am”

mail: bando@box336am.org

Informazioni e richieste di chiarimenti potranno pervenire via mail alla Segreteria Organizzativa del Concorso, entro le ore 12.00 di venerdì 30 giugno 2017.

CLICCA QUI E RICHIEDI IL BANDO DEL PROGETTO BOX336AM
riceverai il Kit completo con il bando in formato PDF sia in versione A4 che A3